Un giorno in Factory: esperienze, idee, incontri

di Newton Spa

Un giorno in Factory: esperienze, idee, incontri

Newton, società leader nella formazione e nella comunicazione, ha inaugurato il 21 giugno i nuovi spazi della sua Factory di Roma, luogo per eventi e learning experience.
 
Qualche giorno fa Wired, Mediakey e Affari Italiani presentavano così l’evento Newton Factory.
Tutto quanto raccontato negli articoli si è avverato e forse anche qualcosa in più!
 
Ma cominciamo dall’inizio!
Gianmarco Tognazzi ha aperto le danze intervistato da Andrea Beretta: ci ha detto la sua su cosa sia il talento, ricordando anche quello di suo padre, su come il talento vada coltivato e su come, spesso la cosa più complessa, per qualcuno che ne è dotato, sia proprio la capacità di riconoscerlo.
Come ci ha confidato Gianmarco, oggi, è un attore quasi per hobby e sta esplorando nuove strade e nuovi modi di esprimere il talento: in questi video tratti da Revenews del Messaggero, Dailymotion e Msn alcuni piccoli estratti delle intervista in cui ci racconta il suo punto di vista.

L’argomento ci è sembrato perfettamente centrato con tutte le proposte della nostra Newton Factory che aiutano sicuramente a valorizzare il talento, tra le tante cose che possono fare per un’azienda.

Abbiamo poi continuato con un panel a cui erano presenti tra Massimiliano Colella, DG Innova Camera e organizzatore di Maker Faire che ci ha parlato di come e perché è nata Maker Faire, raccontando di come la proposta di mettere al centro Innovazione e tecnologia sia in grado di attrarre un numero di talenti sempre più elevato.
Presenti sul palco anche Federico Lo Buono e Daniele Lippi due giovanissimi talenti.
Federico, a soli 18 anni e ancora in odore di maturità, è già Direttore Editoriale di Breaking Tech e ha pensato alla sua start-up già quando aveva dodici anni e a come trovare i soldi per finanziarsela.
Daniele, anche lui giovanissimo, è già un talento della cucina che ha lavorato in ristoranti stellati e ha coltivato la sua passione con entusiasmo e grandissima dedizione, come raccontato anche nell’articolo di Excellence.
E ancora Chiara Russo, CEO Confounder di Codemotion, che ci ha raccontato di come ha lasciato tutto per seguire il suo sogno e quindi di come per lei talento fa rima con coraggio e infine Pietro Ciccotti, Presidente di Excellence che ci ha raccontato cosa significa per lui talento.
Dopo un pranzo all’insegna dello street food (la Factory con i suoi spazi si presta soluzioni di qualsiasi tipo) sono cominciate le attività di “lavoro”.

In fila nei diversi luoghi della Factory gli ospiti hanno potuto provare l’emozione di Cage Live e vivere l’esperienza di Kube.
Nel primo caso è stata allestita una sala che simula dal vivo una piccola parte della storia The Cage, il format di Newton che prevede una Learning Experience interattiva, una sorta di videogioco manageriale, da usare come terreno di allenamento per la gestione di situazioni complesse (se vuoi saperne di più clicca qui).
Kube è, invece, un acceleratore di sviluppo per figure manageriali e talenti che molti venerdì 21 giugno hanno potuto sperimentare dal vivo testando il proprio livello di “managerialità”! (Se vuoi saperne di più clicca qui).

La giornata si è conclusa con l’esibizione di Kety Fusco, giovane talento appena scoperto dalla Sugar, che con le note particolari e coinvolgenti della sua arpa ha accolto tutti i presenti nel suo mondo musicale.
Perché la Factory è anche questo, è un luogo dove poter vivere ma anche creare le esperienze secondo le proprie esigenze e necessità!

Vi aspettiamo in Factory per scoprire molto altro!
 

Guarda anche:
Più che di leadership abbiamo bisogno di saggezza
17-07-2019

Più che di leadership abbiamo bisogno di saggezza

Osservando le vicende internazionali e le modalità di gestione di molte aziende, è impossibile non notare una significativa mancanza di saggezza.
di Alessandro Cravera